ISTANBUL - COSTANTINOPOLI - BISANZIO

Avviso!!! per coloro che devono attraversare il Bosforo per andare nella parte asiatica con il proprio veicolo  sia il ponte di Fatih Sultan Mehmet sia il Ponte di Bosforo (Bogaz Koprusu) li potranno attraversare solo coloro che sono provvisti di telepass (locale) "non in contanti o carta". Il pedaggio si paga solo entrando dalla parte europea nella parte asiatica è gratuito entrando dalla parte asiatica per la parte europea per entrambe ponti.

 

La Turchia ha inaugurato il tunnel sotto il Bosforo che unisce l'Asia e l'Europa in 4 minuti

Il primo tunnel sotto il Bosforo che consente di attraversarlo in 4 minuti in treno fra Asia ed Europa. Il tunnel riunisce la linea di trasporto su rotaia suburbana tra le due rive di Istanbul, collegandola a metrò e treni pesanti.

clicca qui per la mappa ferroviaria (metro/tram/treno/funicolare/funivie) di Istanbul >>>

Eventi a Istanbul >>>

 

MAPPA INTERATTIVA

 

Essendo a cavallo delle acque blu del Bosforo, il quale separa L’Europa dall’Asia, Istanbul rievoca con la sua sagoma forata da innumerevoli minareti, bazar caotici, la sua storia olezzante con intrigo di harem e Sultani dispotici.

La geografia della più importante metropoli della Turchia (12,5 milioni di abitanti) non ha eguali. Nessun'altra città del mondo può infatti vantarsi di occupare due continenti.

 

Il primo nucleo di Istanbul nacque sul versante europeo del Bosforo con l'insediamento greco di Byzantion che si estendeva tra il Mar di Marmara e il Corno d'Oro. Nel 328 d.C. l'imperatore Costantino il Grande ne fece la nuova Roma, e per più di mille anni la città fu capitale del Regno di Bisanzio con il nome di Costantinopoli. Gli ottomani la conquistarono nel 1453 e la posero al centro del loro regno. Con la creazione della Repubblica Turca, nel 1923 Istanbul dovette cedere il titolo di capitale ad Ankara, ma è rimasta fino a oggi il fulcro della vita culturale del Paese.

Per secoli la Aya Sofya (Santa Sofia) è stata considerata l'edificio sacro più importante del cristianesimo. Il suo aspetto attuale risale agli anni 532-537. Trasformata in moschea dopo la conquista ottomana di Costantinopoli e sormontata da un'enorme cupola, dal 1934 a chiesa funge da museo. A est della Aya Sofya si trova il Topkapi Sarayi, come è detto il palazzo del sultano. Nell'enorme complesso, sviluppatosi a partire dal 1465 attorno a quattro cortili, sono stati accumulati ingenti tesori, di cui solo una minima parte viene esposta al pubblico. La Mahmut Pasa Camii del 1462 è la moschea più antica della città. Le più spettacolari sono invece la Suleymaniye Camii (1550-1557) del celebre architetto di corte Sinan e la Sultan Ahmet Camii (1609-1616) del suo allievo Mehmet Aga, detta "Moschea Blu" dal colore delle maioliche che la ornano. Dalla torre di Galata (1348), di origine genovese, si gode una bella vista sulla città, il Corno d'Oro e il Bosforo. Per riposarsi dallo stress e dai rumori della metropoli si può compiere una piacevole escursione in battello alle Isole dei Principi nel Mar di Marmara.

Bizantina, ottomana, turca: il volto di Istanbul cambia a seconda della prospettiva da cui la si osserva. E ogni nuova visita è l'occasione per una nuova scoperta. Ecco un itinerario essenziale per un primo, indimenticabile incontro con questa città unica al mondo.

 

SCOPRIRE ISTANBUL

PROPOSTE PER ISTANBUL  CON VOLI INCLUSI E NON

 

 

La Moschea di Solimano "Suleymaniye Camisi"...

(Süleymaniye Camii) Con la sua cascata di cupole su cui svettano quattro minareti, domina il Corno d'Oro. Simbolo della grandeur imperiale, la Moschea fu progettata nel XVI secolo dall'architetto Sinan, il Michelangelo ottomano, per celebrare i trent'anni di regno di Solimano il Magnifico. Con la sua cupola alta 53 metri per un diametro di 27,50 metri, l'immensa sala di preghiera dall'acustica eccezionale che può ospitare fino a 5,000 persone, la Moschea di Solimano è in assoluto la più grandiosa della città. Non è da meno il Mausoleo del Sultano, che sorge nel giardino interno: sotto una cupola in cristallo di rocca, custodisce le spoglie di Solimano e della sua sposa prediletta, Rosselana. Questo complesso comprende ugualmente quattro medrese (collegi teologici), una scuola di medicina, un ospizio, una cucina per i poveri, un caravanserraglio e dei bagni turchi. Tutte le moschee rimangono chiuse durante l'ora di preghiera.

 

La Moschea Blu "Sultanahmet Camisi"...

II nome ufficiale della più affascinante moschea del Bosforo è Sultan Ahmet Camii, ma è universalmente conosciuta come la Moschea Blu. E’ infatti il turchese il colore dominante nel tempio. Pareti, colonne e archi sono ricoperti dalle maioliche di Iznik, decorato in toni che vanno dal blu al verde; rischiarate dalla luce che filtra da 260 finestrelle, conferiscono alla grande sala della preghiera un'atmosfera suggestiva quanto surreale. La Moschea Blu, che risale al XVII secolo, è anche l'unica a poter vantare ben sei minareti: superata in questo solo dalla moschea della Kaaba, alla Mecca, che ne ha sette. Tale particolarità architettonica è l'espressione delle manie di grandezza del Sultano Ahmet I che, non potendo eguagliare la magnificenza della Moschea di Solimano né quella di Aya Sofya, non trovò soluzione migliore per distinguerla da tutte le altre che aggiungervi due minareti supplementari. Tutte le moschee rimangono chiuse durante l'ora di preghiera.

 

La Museum Pass Istanbul Card permette di entrare nei musei statali di Istanbul con una tariffa agevolata: costa 72 Lire Turche ed è valida 3 giorni o 72 ore. È un'ottima soluzione per tutti i turisti che vogliono visitare, senza fare code alle biglietterie, i seguenti musei: il Museo di Hagia Sophia, il Museo del Palazzo del Topkapi e l’Harem, il Museo di Chora, i Musei Archeologici, il Museo delle Arti Turche ed Islamiche, il Museo del Mosaico. Permette inoltre di ottenere sconti in varie strutture. Per informazioni:

 

http://www.muze.gov.tr/museum_pass

 

L’Antico Ippodromo...

(Hipodrum - Dikilitas Meydani) Si trova accanto alla Moschea Blu, all'aria aperta ed è gratuito. Utilizzato per le corse dei carri e centro della vita pubblica bizantina, si ergeva sulla pianura di fronte alla Moschea Blu, nel quartiere attuale di Sultan Ahmet. Tre dei monumenti che li decoravano, esistono ancora oggi: l’Obelisco di Teodosio, la Colonna Serpentina in bronzo e la Colonna di Costantino. Si possono ancora vedere le vestigia del muro curvo dell’Ippodromo a sud di questi tre monumenti. Oggi, questo posto forma il centro dell’interesse storico, culturale e turistico di Istanbul.

 

Basilica-Moschea Santa Sofia "Ayasofya", simbolo della città...

(Aya Sofya) Chiesa o moschea? La "basilica d'oro" di Santa Sapienza (Aya Sofia), che sorge sulla stessa piazza della Moschea Blu, è il simbolo della storia millenaria di Istanbul.

 

 

Per costruire la chiesa destinata a diventare il centro del potere religioso dell'Impero Bizantino, Giustiniano, nel VI secolo, non badò a spese, impiegando i materiali più preziosi, innalzando una cupola come non se ne erano mai viste e rivestendola di mosaici d'oro e pietre preziose.

 

Per secoli Aya Sofya fu considerata un modello di grandezza e sfarzo inarrivabili. Poi, il 29 maggio 1453, Mehmet II conquistò Costantinopoli e la Megale Ecclesia venne trasformata in moschea, mentre i suoi favolosi mosaici furono in parte distrutti dalla furia iconoclasta. Oggi Aya Sofya non è più chiesa né moschea, ma un museo (chiuso il lunedì, orari estivi: 09:00 - 19:00, a pagamento) in cui si possono ammirare alcuni fulgidi esempi dell'arte musiva bizantina.

 

Chiesa San Salvatore in Chora "Kariye Muzesi" ...

(Kariye Müzesi) (chiuso il martedì, a pagamento) Un favoloso ciclo di mosaici e affreschi del XIV sec. decora gli interni della Chiesa di San Salvatore in Chora, cioè "fuori le mura", cosi chiamata perché sorgeva all'esterno delle mura erette da Costantino. Trasformata in museo è, dopo Aya Sofya, il più rappresentativo dei monumenti bizantini di Istanbul. Tra i pannelli più pregevoli della chiesa, nota anche come Kariye Müzesi, spiccano quelli della navata centrale, restaurati tra il 1948 e il 1459 a opera della Byzantine Society of America, raffiguranti Cristo e l'Assunzione della Vergine. Mentre l'affresco più spettacolare e senz'altro quello del Giudizio Universale che decora il parecclesion, la cappella che ospita le tombe dei Fondatori della chiesa.

 

La Cisterna Sotterranea "Yerebatan Sarnici" ...

Dopo la visita d'obbligo al Palazzo del Topkapi, ci si può dedicare all'esplorazione della parte più curiosa della città, quella sotterranea, rappresentata dalle Cisterne. Sorti numerosi nel periodo bizantino per sopperire alla mancanza d'acqua in caso d'assedio, questi enormi serbatoi, spesso realizzati con materiali di recupero, sono una vera scoperta. La più famosa è la Yerebatan Sarayi, la Cisterna Basilica (visitabile ogni giorno tranne il giovedì, a pagamento): una sala di 140 metri di lunghezza per 70 di larghezza, coperta da un soffitto a volte sorretto da 336 colonne. Una passerella permette di raggiungerne il fondo, dove si trovano due blocchi di marmo con un bassorilievo della Medusa.

 

il Palazzo di Topkapi "Topkapi Sarayi" ...

"non è situato nel quartiere di Topkapi ma a Gulhane vicinissimo alla Santa Sofia"

(Topkapi Sarayi) Labirinto di costruzioni e centro del potere dell'lmpero Ottomano tra il XV ed il XIX sec. In questo ricco palazzo i sultani e la loro corte vivevano e governavano. II primo cortile (o cortile esterno) racchiude un magnifico giardino boscoso. Sulla destra del secondo cortile, ombreggiate da cipressi e platani, le cucine del palazzo custodiscono oggi le collezioni imperiali di cristallo, d'argento e di porcellane cinesi. Sulla sinistra I'Harem (a pagamento), quartiere separato delle mogli, delle concubine e dei figli del sultano, ricorda ai visitatori gli intrighi della corte. II terzo cortile contiene la Sala d'Udienza, la Biblioteca di Ahmet III, una esposizione dei costumi imperiali dei Sultani e delle loro famiglie, i famosi gioielli del Tesoro e una inestimabile collezione di miniature di manoscritti medievali. In questo cortile si trova anche il padiglione del Mantello Sacro che conserva le reliquie del Profeta Maometto, riportate a Istanbul quando gli ottomani assunsero il califfato dell'lslam. Orari estivi: 09:00 - 19:00, a pagamento.

 

Palazzo di Topkapi  dal vivo

 

Il Museo Archeologico...

(Arkeoloji Müzesi) Ristrutturato, contiene, oltre agli altri tesori dell’Antichità, il famoso sarcofago di Alessandro Magno. Orari estivi: 09:00 - 19:00, a pagamento.

 

Il Museo Militare...

(Harbiye Askeri Müzesi) Che oltre le grandi tende utilizzate dalle armate ottomane durante le campagne custodisce ugualmente le armi e le uniformi militari ottomane. “Mehter Takimi” (Il Bando militare), suona della  musica militare ottomana tra le 15:00 e le 16:00. (Aperto tutti i giorni, esclusi; lunedì e martedì, a pagamento)

 

Palazzo di Dolmabahce...

(Dolmabahçe Sarayı) Costruito nella metà del XIX secolo dal Sultano Abdulmecit I, si stende per 600 metri lungo la riva europea del Bosforo. L'immensa sala di ricevimenti con le sue 56 colonne ed il suo enorme lampadario di 4 tonnellate e mezza con 750 luci, stupisce sempre i visitatori. In passato gli uccelli di tutto il mondo venivano racchiusi nel “Padiglione degli Uccelli” per alietare gli abitanti del palazzo. E' qui che è morto Ataturk, fondatore della repubblica turca, il 10 novembre 1938. (Aperto tutti i giorni, esclusi; lunedì e giovedì, a pagamento)

 

Il Palazzo di Beylerbeyi...

(Beylerbeyi Sarayı) Costruito sulla Nel XIX sec. dal Sultano Abdulaziz sulla riva asiatica del Bosforo. Fantasia di marmo bianco tra le magnolie dei giardini, era la residenza estiva ed il padiglione di caccia del sultano. I dignitari stranieri in visita ad Istanbul venivano ospitati in questo palazzo, come ad esempio I'imperatrice Eugenia. (Aperto tutti i giorni, esclusi; lunedì e giovedì, a pagamento)

 

La Torre di Galata...

(Galata Kulesi) Costruzione genovese del 1348, si eleva a m 62 dal suolo, sull'altra riva del Corno d'Oro. Dall'alto, il panorama sul Corno d'Oro ed il Bosforo è straordinario. La sera, i turisti apprezzano il suo ristorante, il suo night club ed il suo bar.

 

Rumeli Hisari...

(La Fortezza Europea), è stata eretta da Fatih Sultan Mehmet (Maometto il Conquistatore) nel 1452, prima della conquista di Costantinopoli. Terminata in soli quattro mesi, è una delle più belle opere militari del mondo. (Aperta tutti i giorni escluso il lunedì, a pagamento)

 

Il Bosforo...

(Istanbul Boğazı) Quando al tramonto ci si ferma sulle rive del Bosforo per ammirare la luce rosseggiante che si riflette sulle finestre delle case di fronte, si capisce perché gli uomini hanno scelto secoli fa questo incantevole sito. In questi momenti Istanbul è indubbiamente una delle più splendide città del mondo.

 

Un soggiorno ad Istanbul non potrebbe finire, senza la tradizionale ed indimenticabile escursione sul  Bosforo, questo stretto sinuoso che separa I'Europa dall'Asia. Le sue rive offrono un miscuglio di passato e di presente, di splendore grandioso e di bellezza naturale. Gli alberghi moderni accanto ai Yali (ville di legno in riva al mare), i palazzi di marmo bianco accanto alle rudi fortezze di pietra e le abitazioni eleganti accanto ai piccoli villaggi di pescatori. Il miglior mezzo per scoprire il Bosforo è quello di imbarcarsi su un vaporetto in partenza da Eminönü che si ferma alternativamente sulla costa asiatica ed europea dello stretto. Questa passeggiata, ad un prezzo ragionevole, dura circa sei ore. Se desiderate una barca solo per voi, contattate le agenzie che organizzano delle mini-crociere, di giorno o di notte.

 

Durante il tragitto, passerete davanti al magnifico Palazzo di Dolmabahce. Un pò più lontano si trovano i parchi verdeggianti ed i padiglioni imperiali del Palazzo di Yildiz. Accanto a questo parco, sulla riva, si erge il Palazzo Ciragan, trasformato in albergo. Rinnovato nel 1874 dal Sultano Abdulaziz, si stende su 300 metri lungo il Bosforo, e le sue facciate di marmo riflettono il movimento delle acque. A Ortakoy, fermata successiva, gli artisti si riuniscono tutte le domeniche per esporre le loro opere per la strada. Nell'ambiente vivo di questa folla screziata, i venditori ambulanti vi offrono deliziosi spuntini. Ortakoy permane, ancora oggi, il simbolo della tolleranza: moschee, chiese, sinagoghe sono affiancate l’una all’altra e gli abitanti di diverso credo religioso, convivono in questa quartiere pacificamente da tanti secoli. Creando un foret contrasto con le case tradizionali della zona, il ponte del Bosforo, uno dei più grandi ponti sospesi del mondo, riunisce I'Europa e I'Asia. II Palazzo Beylerbeyi, sorge subito dopo il ponte, sulla riva asiatica. La collina di Çamlıca, dietro al palazzo, è il punto culminante di Istanbul. Se avete tempo vi ci potete recar in macchina per ammirare il magnifico panorama sulla città ed i superbi paesaggi. Sull'altra riva, le ville ottomane di legno di Arnavutköy contrastano con i lussuosi appartamenti di Bebek. Qualche chilometro più lontano, le fortezze Rumeli Hisarı e Anadolu Hisarı si fronteggiano da una parte e dall'altra degli stretti, come due sentinelle di guardia alla città. II  Palazzo  di  Göksu  (o  Kucukcu)  orna  la  riva  asiatica  accanto  alla fortezza d'Anadolu Hisari. Subito dopo le due fortezze, il ponte di Fatih Sultan Mehmet, seconda congiunzione tra i due continenti, è stato messo recentemente in servizio. Dalla collina di Duatepe, potrete ammirare il superbo panorama sul ponte e sul Bosforo. In basso di Duatepe, il parco Emirgan ed i suoi piacevoli padiglioni si ornano in primavera con i bei colori dei tulipani. Di fronte sulla riva Asiatica, il villaggio di pescatori Kanlıca è diventato la periferia ricercata dai ricchi abitanti di Istanbul. Molta gente si reca nei caffè e nei ristoranti in riva al mare per gustare il suo famoso yogurt. La foresta di Beykoz (Ibrahim Pasa Korusu), è una località rinomata per la sua tranquillità, con i suoi caffè e ristoranti, I'aria pura e la vista magnifica. Nella baia di Tarabya, sulla riva europea, gli yacht ancorati sembrano ballare sull'acqua. La strada costiera di Tarabya con gli incantevoli villaggi di Büyükdere e Sarıyer, abbondano di taverne e ristoranti di pesce. Un pò più lontano, lo stretto si allarga e scompare nel Mar Nero.

 

II Corno d'Oro...

(Haliç) Estuario a forma di corno, divide in due la parte europea di Istanbul. Uno dei migliori porti naturali del mondo, era la base della marina e della flotta mercantile dei bizantini e degli ottomani. Oggi, bei parchi costeggiano le sue rive. Al tramonto, I'acqua si riflette d'un bel color dorato. Fener, un quartiere a metà strada dall'estuario, racchiude delle vie con case di legno e chiese del periodo bizantino. E' qui che risiede il Patriarca Ortodosso. Un pò più in alto, Eyüp possiede un'architettura di stile ottomano. Le colline sono coperte da cimiteri e cupi cipressi. Numerosi pellegrini vengono a visitare la tomba di Eyup nella speranza che i loro desideri vengano esauditi. II caffè Pier Loti, in alto della collina, è un posto meraviglioso per godere della tranquillità di questi luoghi.

 

 

Curiosità:

Nel 1501 la mente geniale di Leonardo partorì un'opera di straordinaria importanza che fu presentata al Sultano Bejazet II : si trattava di un ponte che l'artista disegnò per unire le due parti di Istanbul sul Bosforo. Il Premier Recep Tayyip Erdoğan ha affermato che ad Istanbul sarà finalmente costruito il ponte leonardiano.

Sarà completamente pedonale ed attraverserà l'antico estuario: sarà lungo 220 metri e largo 10 e, nel suo punto più alto, raggiungerà i 24 metri di altezza sull'acqua, proprio come aveva indicato nei suoi schizzi Leonardo. L'opera, come ha sottolineato il Premier turco, non costerà nulla alla popolazione e alle casse pubbliche dal momento che sarà finanziata da sponsor privati, turchi e stranieri.

 

Le Isole dei Principi...

(Adalar) Un arcipelago di nove isole nel Mar di Marmara, erano un luogo di esilio per i principi di Bisanzio. Oggi, gli abitanti benestanti di Istanbul, trascorrono i mesi estivi in queste isole per approfittare della brezza fresca, della chiarezza del mare e delle loro eleganti dimore del XIX sec. Büyükada è la più grande. Si può passeggiare in carrozzella tra i pini, dopo essersi riposati sulla spiaggia di una delle numerose insenature che costeggiano la riva. Le altre isole apprezzate sono Kınalı, Sedef, Burgaz e Heybeli. Dei tragehetti collegano regolarmente le isole con la riva asiatica (Kadikoy) o europea (quartiere Eminonu) di Istanbul. Un servizio di aliscafi, più rapido, opera d'estate da Kabatas.

 

DIVERTIMENTI...

Istanbul è ricca di programmi di divertimento. I night-clubs offrono vari intrattenimenti durante le cena, da una selezione di canzoni turche alla famosa danza del ventre. Numerose sono le discoteche, i cabarets e jazz-clubs nel distretto Taksim-Harbiye. Fra le molte occasioni di svago che la città offre vanno annoverati i numerosi ed eleganti “casino”. Per molti anni il Çiçek Pasajı, nel quartiere di Beyoğlu, fu un luogo d’incontro, in particolare per gustare le specialità gastronomiche, soprattutto quelle a base di pesce accompagnate da un “raki” o da un buon vino turco. Anche nei ristoranti della via Nevizade Caddesi si possono trovare le stesse specialità. Nell’ambiente vivo del quartiere di Ortaköy vi sono numerosi luoghi di divertimento. Ortakoy, sulla riva del Bosforo, è popolata da eccelenti ristoranti, pubs e bar dove si può ascoltare musica jazz. Kumkapı, con le sue taverne, bars e ristoranti, è un’altra zona attraente. A Sultanahmet ci sono ora vari ristoranti in case ottomane e bisantine restaurate che offrono un’atmosfere unica. Nello scalo di Eminönü, imbarcazioni del secondo l’uso del tempo, offrono al turista delizioso pesce alla griglia. Il più bel parco divertimenti ed il più sofisticato del paese, Tatilya Cumhuriyeti, si trova a Beylikduzu, dopo il quartiere Haramidere, lungo la strada dopo l’Aeroporto Ataturk.

 

ACQUISTI...

Si potrebbe venire a Istanbul unicamente per fare degli acquisti.

Bisogna certamente iniziare dal Grand Bazar (Kapalı Çarşı) della città vecchia. Questo labirinto di strade e passaggi, ospita più di 4000 negozi. II nome dei luoghi ricordano I'epoca ove ogni mestiere aveva il suo quartiere proprio: via degli Orefici, via dei Mercanti di Tappeti, via dei fabbricanti di papaline. Questo bazar è ancora oggi il centro commerciale della città vecchia, conveniente a tutte le tasche e a tutti i gusti.

 

L'artigianato turco propone un insieme di incantevoli regali e ricordi: celebri tappeti, splendide ceramiche dipinte a mano, oggetti di rame e di ottone, pipe di schiuma di mare. I gioielli d'oro nei loro scrigni ben illuminati abbagliano i passanti. Gli articoli in cuoio e daino di eccellente qualità, sono relativamente a buon mercato. II vecchio Bedesten che si trova nel cuore del Bazar propone una stupefacente varietà di antichità. E' interessante frugare nel disordine accumulato, con la speranza di scoprire un tesoro.

 

II Bazar delle Spezie o (MısıÇarşısı = Bazar Egiziano) accanto alla Moschea Yeni di Eminönü, vi trasporterà nell'oriente mistico. L'aria è piena del profumo seducente della cannella, del cumino, dello zafferano, della menta, del timo e di tutte le altre erbe e spezie immaginabili.

 

Sultanahmet è diventato il secondo centro commerciale della città vecchia. II Bazar delle Arti di Istanbul (El Sanatlari Çarşısı) si trova nella Medrese Mehmet Efendi (XVIII sec) e nella Medrese Caferaga costruita da Sinan (XVI sec.) e offre la possibilità di vedere gli artigiani all'opera e di acquistare le loro opere tradizionali.

 

Un'arcata commerciale nell'arasta della Moschea Sultanahmet, permette di fare degli acquisti durante la visita del luogo.

 

Le boutique sofisticate dei quartieri Taksim – Nişantaşı - Şişli, sono in contrasto col disordine ed il tumulto dei bazar.

 

Sull'istiklal Caddesi, Cumhuriyet Caddesi e Rumeli Caddesi, potrete ammirare tranquillamente le vetrine dei negozi. Qui troverete degli articoli di ultimo grido, confezionati con i migliori tessuti della Turchia. Splendidi gioielli ed eleganti modelli di borsette e calzature vi saranno ugualmente proposti.

 

L’Atlas Pasajı, a Beyoglu è una specie di mercato delle Pulci dove troverete perfino del proveniente dal Mar Rosso.

 

I mercati delle pulci di Istanbul abbondano di oggetti diversi e sorprendenti, nuovi e antichi. II Sahaflar Çarşısı ed il Çınaraltı nel quartiere Beyazit offrono ogni giorno una nuova occasione di andare a frugare.

 

La domenica, in un mercato delle pulci tra Sahaflar ed il mercato coperto, i venditori offrono la loro mercanzia su delle carrette e delle coperte.

 

II Horhor Çarşısı raggruppa i negozi di mobili (moderni e antichi) di qualità variabile.

 

Ad Atakoy, il nuovo centro commerciale, I'Atakoy Galleria, ha le migliori succursali delle più belle boutiques d'istanbul.

 

Bahariye Caddesi, Bağdat Caddesi e Capitol sulla parte asiatica dispongono dei medesimi articoli.

 

I mercati delle pulci del quartiere di Topkapı, di Çukurcuma a Cihangir, di Büyük Hamam Sokak a Üsküdar (nella parte asiatica), del quartiere di Kadıköy Çarşı Durağı (nella parte asiatica) e tra Eminönü e Tahtakale sono aperti tutti i giorni.

 

La domenica, ritornando da una passeggiata verso la parte alta del Bosforo, potrete fare una sosta e vedere un altro mercato animato tra Büyükdere e Sarıyer.

 

ARTE E CULTURA

Istanbul è, per eccellenze, un centro internazionale di arte e cultura. Il Festival Internazionale del Cinema di Istanbul ha luogo ogni anno nei mesi di Marzo ed Aprile, proponendo nei cinema del distretto storico di Beyoğlu il meglio del panorama cinematografico mondiale. Il Festival Internazionale di Arte e Cultura, si tiene invece nei mesi di giugno e luglio e vi partecipano artisti provenienti da tutto il mondo. Le manifestazioni sono tenute per la maggior parte nel Centro Culturale di Atatürk (Atatürk Kültür Merkezi). La Sede delle Scienze di Istanbul (Istanbul Bilim Merkezi), fondata dal Centro delle scienze è situata nel campus dell’Università Tecnica di Istanbul, offrendo possibilità e bambini ed adulti a cimentarsi in diverse teorie e sperimentazioni ad ogni livello. Gli appassionati di musica classica possono ascoltare nel Salone Cemal Reşit Rey. Opere, operette, balletti, films, concerti, mostre e conferenze colorano la vita culturale della città.

 

I PALAZZI

II Palazzo di Yıldız "Yildiz Sarayi" comprende, oltre agli appartamenti di Stato una serie di padiglioni ed una moschea. Questo insieme è stato costruito da Abdulhamit II alla fine del XIX sec. II più grande ed il più grazioso degli edifici, “il Sale”, testimonia il lusso nel quale vivevano e ricevevano i sultani. Situato dentro un vasto parco con  fiori ed alberi venuti da tutte le parti del mondo, questo palazzo offre una delle più belle viste panoramiche sul Bosforo. Per via dei restauri in corso solamente “il Sale” ed il parco sono aperti al pubblico. (Aperto tutti i giorni esclusi; lunedì e giovedì)

 

II Palazzo di Göksu o "Kucuksu Sarayi", prende il suo nome dalla piccola riviera che sbocca sul Bosforo in questo posto. Eretto da Abdulmecit I nella metà del XIX sec., serviva da residenza estiva. (Aperto tutti i giorni esclusi; lunedì e giovedì)

 

La costruzione originaria del Padiglione Estivo Aynalı Kavak "Aynali Kavak Kasri" risale al XVIII sec.. In seguito venne restaurato da vari sultani. Nel 1718 nelle sue sale vennero montati specchi preziosi, dono dei veneziani. Da qui il suo nome attuale “Padiglione degli Specchi”. Prospiciente il Corno d’Oro, questo palazzo costituisce uno degli esempi più belli della tradizionale architettura turca. (Aperto tutti i giorni esclusi; lunedì e giovedì)

 

Il Padiglione Ihlamur "Ihlamur Kasri" (XIX sec.) è circondato da giardini di tigli, ciò spiega il suo nome. Oggi situato nel cuore della città, al momento della sua costruzione, sorgeva nella campagna circostante.

 

Il Padiglione Merasim "Merasim Kasri" veniva utilizzato per le cerimonie ufficiali, mentre il Padiglione Maiyet alloggiava il seguito del sultano e, alle volte, il suo harem, quando lui lasciava il palazzo in alcune occasioni. (Aperto tutti i giorni esclusi lunedì e giovedì.)

 

Su di una collina verde e ombreggiate, i Padiglioni Maslak, superbi esempi dello stile decorativo ottomano della fine del XIX sec., servivano da case di caccia al Sultano Abdulaziz. La serra Limonluk merita una visita.

 

Il Padiglione marino Florya Atatürk, situato nel cuore Florya, nei pressi dell’aeroporto di Atatürk, è una bella costruzione sul mare. Edificato nel 1935, ha una pianta a “T”; veniva utilizzato come residenza estiva dai presidenti turchi. Lo stesso Atatürk vi soggiornò più volte. Attualmente è stato trasformato in museo (Aperto tutti giorni escluso lunedì e giovedì).

 

LE MOSCHEE

Altra realizzazione dovuta al genio di Sinan, la Moschea di Rustem Paşa "Rustem pasa Camisi" è stata eretta nel 1561 sotto gli ordini del Gran Vezir Rustem Pasa, genero di Solimano il Magnifico. Squisite ceramiche di Iznik decorano I'interno, piccolo ma superbo in proporzioni.

 

L'lmperiale Moschea Fatih "Fatih Camisi", costruita tra il 1463 e 1470, porta il nome del conquistatore ottomano di Istanbul: Fatih Sultan Mehmet, custodisce il suo mausoleo e si erge su un’altra collina della città. Questo vasto complesso religioso - medrese, ospizi, ospedali, bagni, caravanserragli e biblioteca - merita una visita.

 

La grande Moschea di Eyüp "Eyup Sultan Camisi", si trova all'esterno delle mura della città vecchia, vicino al Corno d'Oro, nel posto ove si suppone che Eyup, il porta-stendardi del profeta Maometto, sia stato ucciso durante I'assalto di Istanbul nel 670.

 

Prima moschea costruita dopo la conquista ottomana della città, è un luogo di pellegrinaggio venerato e frequentato. Edificata dal 1597 al 1663, la Moschea Yeni "Yeni Cami", domina il porto di Eminonu, accogliendo i turisti che sbarcano nella città vecchia via traghetto. Oggi le sue cupole e i suoi archi graziosi, ospitano centinaia di piccioni che qui sono ormai a casa loro. II balcone del sultano è decorato da magnifiche ceramiche di Iznik.

 

La Moschea Sokollu Mehmet Paşa si erge su una collina scoscesa vicino al quartiere di Sultan Ahmet. Capolavoro di Sinan, è uno degli esempi più belli dell'architettura classica turca del XVI sec. All'interno, le ceramiche di Iznik sui pulpito e la nicchia esibiscono i loro eleganti motivi blu, verdi, malva e rossi.

 

Dei tramezzi di vetro chiudono le quattro immense volte che sostengono la cupola centrale della Moschea Mihrimah Sultan, vicino alla porta di Edirne nelle mura della vecchia città. 161 finestre illuminano questa moschea costruita da Sinan nel 1555 per la Sultana Mihrimah, figlia di Solimano il Magnifico.

 

MUSEI

il Museo dell'Arte Turca e Islamica...

(Türk ve Islam El Sanatları Müzesi) è stato eretto nel 1524 come una residenza per il Gran Vezir Ibrahim Pasa offerta dal Sultano Solimano il Magnifico. Era I'abitazione privata più grandiosa di tutto I'lmpero Ottomano. Oggi custodisce superbe collezioni di ceramiche, sculture in legno, miniature, calligrafie, tessuti e tappeti, tra cui i più vecchi del mondo. (Aperto tutti i giorni, escluso il lunedì)

 

Il Museo dell’Oriente Antico, racchiude delle collezioni sumeriche, babiloniche, assirie, hatti ed ittiti. (Aperto tutti i giorni escluso lunedì)

 

Il Padiglione Çinili Köşk, costruito da Maommetto il Conquistatore nel XV sec., ospita il Museo della Ceramica Turca. Possiede bei pezzi di Iznik (XVI sec.) e buoni esemplari di vasellami e maioliche selgiuchidi ed ottomane. (Aperto tutti i giorni escluso lunedì)

 

Come il museo Ayasofya, una volta, anche il Museo di Sant’Irene (Aya Irena Müzesi) era una chiesa, tra le prime di Istanbul. Costruita da Costantino nel IV sec. E restaurata più tardi da Giustiniano, pare che si erga sulle rovine di un tempio pagano. (Aperto tutti i giorni escluso il lunedì – Si richiede autorizzazione per l’ingresso)

 

Dall'altro lato della strada, nel Palazzo Ibrahim Pasa, il Museo dei Tappeti Turchi (Türk Halıları Müzesi) riunisce magnifici tappeti e kilim di tutto il paese. (Aperto tutti i giorni domenica, esclusi; la domenica e il lunedì)

 

II  Museo del  Mosaico (Mozaik Müzesi), conserva eccezionali  pavimenti in mosaico del grande palazzo degli imperatori bizantini. (V e VI sec.) (Aperto tutti i giorni escluso il lunedì)

 

II Museo dell'Aviazione (Havacılık Müzesi) a Yeşilkoy,  traccia I'evoluzione dell'aviazione in Turchia. (Aperto tutti i giorni escluso il lunedì).

 

La casa di Atatürk a Şişli, è diventata ad un museo; il Museo di Ataturk  (Atatürk Müzesi) che conserva degli effetti personali del fondatore della Repubblica. (Aperto tutti i giorni esclusi sabato e domenica).

 

Nel quartiere Besiktas, il Museo Navale (Denizcilik Müzesi) custodisce i famosi caicchi nei quali i sultani navigavano sul Bosforo e interessanti esposizioni consacrate alla storia della marina ottomana. (Aperto tutti i giorni esclusi lunedì e mercoledì)

 

Ugualmente a Besiktas, il Museo delle Belle Arti (Güzel Sanatlar Müzesi) possiede dei quadri e delle sculture turche dalla fine del XIX sec. ad oggi. (Aperto tutti i giorni esclusi lunedì e martedì).

 

Nei ai giardini del palazzo di Yildiz, il Museo della Città (Sehir Müzesi) narra attraverso i suoi documenti la storia di Istanbul dalla conquista ottomana ad oggi (Aperto tutti i giorni escluso il giovedì) e il Museo del Palazzo di Yildiz e degli Antichi Costumi da Scena ritracciano la storia del teatro (Aperto tutti giorni escluso il martedì).

 

Il Museo dell’Industria Rahmi Koç (Rahmi Koç Endustri Müzesi) è situato nella zona di Haskoy, sulla costa del Corno d’Oro. Questo storico edificio, il cui nome antico era “Lengerhane”, fu costruito nel XVIII sec. per realizzare la funzione della tecnologia industriale (Aperto tutti i giorni escluso il mercoledì).

 

Museo delle Caricature (Karikatur Muzesi), questo museo è situato in Viale Ataturk vicino l’acquedotto di Valente (Aperto tutti giorni dalle ore 9.00 alle ore 18.00)

 

Più in alto sul Bosforo, nel pittoresco villaggio di Buyukdere, il Museo Sadberk Hanim (Sadberk Hanim Muzesi) è situato al interno di due affascinanti ville di legno del XIX sec. Questo museo privato che custodiva all'origine delle collezioni di arte decorativa turca, ha recentemente aperto delle nuove sale d'archeologia. (Aperto tutti i giorni escluso il mercoledì)

 

MONUMENTI

Nelle vicinanze Piazza Sultanahmet, ed in particolare nella Via Soguk Cesme, si noteranno delle case di legno del XVIII sec.. Meravigliosamente restaurate, hanno ripreso vita diventando piccoli alberghi; una di queste, conserva un’appassionante biblioteca specializzata su Istanbul.

 

La Fontana di Ahmet III (Sultan Ahmet Cesmesi), edificata nel 1729, si erge all’entrata del palazzo di Topkapi. Ella offriva la sua ombra agli assetati. Questa fontana, estremamente decorata, è un superbo esempio del tardo stile ottomano.

 

La Torre di Beyazıt (Beyazıt Kulesi) alta 85 m. è stata costruita nel 1828 da Sultano Mahmut II come torre di controllo degli incendi. Oggi si eleva sul campus dell’Università di Istanbul.

 

Bozdogan-l’Acquedotto di Valente, del 368 d.C., forniva l’acqua ai palazzi bizantini, poì ottomani. I 900 metri di archi a due livelli he sono rimasti, attraversano una delle vie principali della città vecchia.

 

Una volta impenetrabili, le mura di Istanbul si estendono su 7 km, dal Mar di Marmara al Corno d’Oro. Queste mura erette durante il regno dell'lmperatore Teodosio II (V sec.), sono state restaurate parecchie volte e fanno parte del patrimonio culturale mondiale censito dall'UNESCO.

 

Conosciuta came la Torre di Leandro (Kız Kulesi) è uno dei simboli romantici di Istanbul. Costruita in origine nel XII sec. su una piccola isola all'entrata del porto, la costruzione attuale risale al XVIII sec.

 

 

YATCHTING

Istanbul attira gli yachtmen di tutto il mondo. Qui, la gioia di navigare in uno slplendido paesaggio naturale, in pieno mare, con dei tramonti stupendi, si mescola al piacere di viaggiare nella storia bizantina e ottomana ammirando imponenti castelli, palazzi e moschee.

 

Dopo aver vogato sul Bosforo o sul Corno d’Oro, potete ritornare a una grandi marine dei dintorni.

 

La marina, sulla riva europea e la marina Kalamis sulla riva asiatica, sono aperte 24 ore su 24. D’altronde, ogni estate, Istanbul accoglie le gare Internazionali dei yacht.

 

 

DINTORNI DI ISTANBUL

Sulla costa europea del Mar Nero, a km 25 dai sobborghi di Istanbul, le lunghe e larghe spiagge di Kilyos attirano durante I'estate la folla degli abitanti di Istanbul.

 

La Foresta di Belgrado (Belgrad Ormanları), sempre sulla riva europea, è la più grande dei dintorni. Durante la fine settimana è frequentata dalle famiglie che vengono a trascorrere la giornata oppure a prepararsi un barbecue. Sette bacini antichi di molteplici sorgenti danno un pò di fresco.

 

Alcuni acquedotti ottomani, tra i quali il più ammirevole é quello di Moğlova, costruito da Sinan, imprimono maestosità ai dintorni. Qui si possono anche divertirsi al Kemer Country Golf Club, molto ben organizzato. L’entrata al club è circondata dalle mura dell’acquedotto di Sultan Suleyman del XVI sec., lungo 700 m. e costruito dal grande architetto Sinan.

 

Sulla parte asiatica, a km 25 dalla città, si trova Polonezköy fondata nel XIX sec. dagli immigrati polacchi. Gli abitanti di Istanbul vengono per lunghe passeggiate o per andare a cavallo nella sua bella campagna e gustare la sua tradizionale cucina polacca servita dai discendenti dei primi residenti.

 

A km 70 da Uskudar, sul Mar Nero, Şile possiede buone spiagge, dei ristoranti di pesce e degli alberghi. E' uno dei più piacevoli luoghi di vacanze vicino ad Istanbul. I "sile bezi", abiti di cotone leggero qui confezionati, sono molto apprezzati dai turisti.

 

A km 50 ad est di Sile, sulla riva di un ruscello e sulla sponda del Mar Nero, si trova Agva, circondata da un meraviglioso panorama. Fiancheggiato da foreste verdi questo luogo è dotato di alberghi e pensioni senza dimenticare i ristoranti di pesce.

 

Kerpe, Kefken e Karacu, tre pittoreschi villaggi di pescatori, si trovano ad est di Agva. Deliziosi ristoranti e acque limpide, assicurano un flusso costante di visitatori.

 

A 38 km da Istanbul il Paradiso degli uccelli e il Giardino Botanico di Bayramoğlu-Darıca ospita una varietà infinita di uccelli.

 

L'incantevole città di pescatori di Eskihisar, a sud-est di Istanbul, esibisce fieramente la sua marina ove gli yachtsmen possono ormeggiare le loro barche dopo una giornata di navigazione nel Mar di Marmara. In città, la casa di Osman Hamdi Bey, grande pittore turco del XIX sec., è stata trasformata in museo.

 

La tomba di Annibale si trova in estreme oriente di Istanbul tra Eskihisar e Gebze, e non lontano di Iì si erge un castello bizantino.

 

l’Arboreto Karaca si trova nel villaggio Samanlı presso Yalova ed è un gran parco ricco di alberi di varietà infinite. Si può visitare questo parco la domenica dalle 12.00 fino al tramonto.

 

Sul Mar di Marmara, la stazione balneare di Yalova è conosciuta sin dall'epoca romana per le sue acque termali di virtù terapeutiche contro i reumatismi. Anticamente venne chiamata Helenapolis in onore della madre dell’imperatore Costantino, la quale aveva fatto edificare nella città numerosi edifici, oltre che opere architettoniche. Yalova, attualmente è un importante centro portuale. Nella città di Yalova, degli alberghi e pensioni a buon mercato, propongono un alloggio confortevole. I bagni principali, a qualche chilometro a sud ovest della città nel distretto Termal, occupano piacevoli giardini che accentuano I'ambiente riposante del luogo. Non mancate di visitare la Residenza Ataturk, costruita nel 1929, dove Ataturk soggiornò più volte (Aperto tutti i giorni escluso lunedì e giovedì). Dalle colline circostanti potrete ammirare lo splendido panorama delle terme e della vegetazione che si stende a perdita d’occhio.

 

A km 17 ad ovest di Yalova, la pacifica regione di Çınarcık possiede delle belle spiagge e dei complessi turistici moderni.

 

Molti abitanti di Istanbul hanno una residenza secondaria a Silivri, una regione di vacanze a km 65 dalla città. Questo recentissimo complesso, comprende dei centri sportivi, dei casinò e eccellenti ristoranti. II suo centro di conferenze attira gli uomini d'affari che fuggono il ritmo sfrenato della città, per vacanze di lavoro. Un servizio regolare di aliscafi collega Silivri a istanbul.

 

Gallerie Immagini:

Istanbul, Santa Sofia, Museo di San Salvcvatore in Chora, Palazzo di Topkapi, Museo Archeologico, Museo Ceramica di Cinili Kösk, Musei Militari, Palazzo di Dolmabahçe, Museo delle Opere Turche e Islamiche, Giunio 2004, Dicembre 2004.

Un video creato da 10.000 foto di istanbul >>>

Scarica un documento scritto "ARCHITETTO OTTOMANO SINAN>>>

 

Meteo a Istanbul

ANKARA

 

 

MAPPA INTERATTIVA

VIAGGIO VACANZA VACANZE A PER ISTANBUL COSTANTINOPOLI BISANZIO ISTAMBUL INSTANBUL INSTAMBUL il Palazzo di Topkapi, la Moschea Blu, la Basilica e la moschea di Santa Sofia, La Cisterna, Sotterranea, L'Ippodromo, Il Museo Archeologico, Museo Militare, Solimano, San Salvatore in Chora, Il Bosforo, Il Corno d'Oro, Il Palazzo di Dolmabahçe, Il Palazzo di Beylerbeyi, Le Isole dei Principi, I PALAZZI, LE MOSCHEE, MUSEI, MONUMENTI, YATCHTING, Dintorni, La Foresta di Belgrado, Polonezköy, il Paradiso degli ucelli, La tomba di Annibale, Yalova, BURSA

 

Pacchetti:

 

Tours

 

Mare

 

Caicco

 

Istanbul

 

Cappadocia

 

Tour + Mare

 

Tour + Caicco

 

Caicco + Mare

 

Istanbul + Mare

 

Istanbul+Caicco

 

Ist+Caicco+Mare

 

Last Minute

 

 

Fai da te:

Escursioni
Noleggio Auto
Trasferimenti
Itinerari Suggeriti
Alberghi Consigliati
Traghetti
Voli
Assicurazione Viaggio

 

 

Turchia Net

 

OFFERTE SPECIALI

2016 - 2017

 

Volo + Hotel a Istanbul

03 Novembre 16 -

26 Marzo 17

 

da €145

 

Milano

Bergamo

Roma

Bologna 

Immacolata a Istanbul

08-11 Dicembre 2016

 

da €164

Milano

Bergamo

Roma

Bologna 

Capodanno 2017 a Istanbul

29 Dicembre 2016 - 01 Gennaio 2017

 

da €260

Milano

Bergamo

Roma

Bologna 

Capodanno 2017 a Istanbul

30 Dicembre 2016 - 02 Gennaio 2017

 

da €279

Bergamo

Roma

Bologna

Epifania 2017 a Istanbul

02-06 Gennaio 2017

 

da €260

Milano

Bergamo

Roma

Bologna 

Epifania 2017 a Istanbul

03-07 Gennaio 2017

 

da €222

Roma

Bergamo

Bologna 

Epifania 2017 a Istanbul

04-08 Gennaio 2017

 

da €222

Roma

Bergamo

Epifania 2017 a Istanbul

05-08 Gennaio 2017

 

da €164

Milano

Bologna

 



Viaggio in Turchia

© Copyrights 2003-2017  Turchia.net - Tutti i Diritti Riservati.

 

 

Contatore siti