La Turchia - Popolo Turco - Le Donne

 

 

Le Donne

Nel Paese degli harem, le donne hanno sicuramente superato mentalmente quel tipo di segregazione. C'è chi afferma che questa sorta di prigionia nulla tolse al potere e all'influenza della figura femminile sia nel palazzo del sultano, sia nella famiglia.

 


Una casa in Cappadocia

Uchisar/Nevsehir

Donne Bambini   Folclore e Costumi  La Campagna Ideologia e Moda

 

Anzi, moltissimi furono gli intrighi orditi dalle mogli e dalle madri dei potenti che cambiarono la storia del Paese più che le truppe di armigeri all'assalto.

Oggi, dopo l'impulso di Atatürk, la posizione della donna è sufficientemente emancipata. Lavora e riesce a occupare posti di grande responsabilità. Non si gridò allo scandalo quando una signora, Tansu Ciller, venne nominata capo del governo nel 1995.

Nelle aree agricole le donne lavorano moltissimo, sono mani femminili quelle che tessono le migliaia di tappeti che escono dai telai turchi ogni anno, gli atenei sono pieni di studentesse e i diritti delle donne sono identici a quelli degli uomini. Anche se ciò viene spesso dimenticato nelle aree più remote del grande Paese, nei villaggi e nella mentalità di molte famiglie. Anche se non bisogna confondere troppo il costume di un popolo con la sua religione, è indubbio che, con la recente ondata di integralismo religioso, un numero crescente di donne sceglie di coprire i capelli con il velo e, nelle province orientali, nascondersi dietro il velo nero.

Poiché la Turchia è essenzialmente un paese islamico, l'islam svolge un ruolo importante nella vita della donna.

 

In Turchia, seguendo la dichiarazione della Repubblica in 1923, uno degli elementi più significativi nella rivoluzione sociale progettata e sostenuta da Ataturk che era l'emancipazione delle donne turche, basata per principio che la nuova Turchia doveva essere una condizione secolare.

 

In 1926, un nuovo codice di legge civile turca è stato adottato che ha cambiato improvvisamente la struttura della famiglia. La poligamia si è abolito con le matrimoni religiosi e la custodia del bambino e di divorzio si è trasformata nel diritto sia delle donne che degli uomini. Un'età minima per il matrimonio era fissata a 15 per le ragazze ed a 17 per i ragazzi. Forse la più importanza, l'uguaglianza dell'eredità è stata accettata come pure l'uguaglianza della testimonianza davanti ad una corte di legge; precedentemente, secondo legge islamica, la testimonianza di due donne era uguale a quella di un uomo. Con la secularizasione del sistema di istruzione, le donne hanno guadagnato i diritti uguali con gli uomini nel campo di formazione pure e più hanno dovuto non portare più il velo e gli indumenti lunghi richiesti dalla vecchia credenza religiosa. Il diritto di votare per le donne è stata assegnata al livello comunale nel 1930 e nazionale nel 1934. Teoricamente, le donne turche erano lontane davanti alle loro sorelle occidentali a quel tempo, per esempio in Francia in cui le donne hanno guadagnato soltanto il diritto di votare nel 1944.

 

La lettera dell'organizzazione di lavoro internazionale adottata in 1951, dichiarando gli stipendi uguali per entrambi i sessi per lavoro uguale è stata ratificata in Turchia nel 1966.

 

Anche se tutte le nuove regolazioni hanno portato la condizione delle donne a un livello migliorato, la condizione reale delle donne presso l'istituzione della famiglia non ha previsto uguaglianza adeguata fra gli uomini e le donne. Ancora oggi, il marito è il capo della famiglia. Una donna fa i lavori domestici e se una donna deve lavorare fuori della casa lei deve ottenere l'approvazione del suo marito. Mentre un proverbio turco dice "un marito dovrebbe sapere portare l'alimento e la moglie farlo bastare" confermando ancora una volta il posto della donna è a casa.

 

Le Donne Oggi

La vita sociale consiste di due posti differenti: All'interno e fuori della casa. Le donne lasciano il mondo esterno agli uomini, generalmente i restanti stanno a casa. Le donne sposano ad un'età più giovane che gli uomini ed il loro ruolo è diventare una casalinga ed un creatore domestico. Mentre il livello di formazione delle donne aumenta, il quoziente di fecondità diminuisce. Quasi ogni laureata femminile ha soltanto un bambino.

 

11 su 25 milioni di lavoratori della Turchia sono le donne. In campagna, il tasso delle donne lavoratrici, particolarmente nell'agricoltura, è molto alto. Tuttavia, le donne lavorano in questo settore come un estensione dei loro lavori domestici. Nelle aree urbane, le donne tengono gli alberini importanti sia nei settori pubblici che privati, nelle arti e nelle scienze. Oggi, le donne turche sono gestori di banca, medici, avvocati, giudici, giornalisti, piloti, diplomatici, ufficiali di polizia, ufficiali di esercito o ministri.

Quasi due terzo dei personali medico-sanitari compreso i medici ed i farmacisti, un quarto di tutti gli avvocati ed un terzo di personali di operazioni bancarie sono le donne.

Per quanto riguarda la politica, nelle elezioni del 1937, il numero della donna in parlamento era 18, che hanno significato 4.5%. Oggi, purtroppo, questo tasso è molto di meno.

 

Il Femminismo

Una fase importante di femminismo in Turchia ha cominciato negli anni 80 ed è differente dalle fasi precedenti perché è stata iniziata dalle donne che hanno parlato per se stesso, piuttosto che dall'uomo che aveva maneggiato l'immagine femminile per il loro proprio ordine del giorno politico. Allo stadio attuale di femminismi le donne hanno parlato per se stesso, cominciando discutendo la realtà dei loro corpi e dei loro bisogni fisici in contrasto con l'idealizzazione e lo simbolizzazione del corpo femminile come usato per l'immagine nazionale.

 

Il femminismo sfida fortemente l'immagine di alcune donne turche come esseri coperti e quasi sexless ed anche come madri sante che farebbero e resisterebbero a qualche cosa per i loro bambini e famiglia.

Molto brevemente per ricapitolare oggi la posizione delle donne in Turchia, può dirsi che a meno che siate una donna che vive in una città metropolitana e finanziariamente indipendente, vita è ancora probabile essere limitato dalle abitudini di vita di famiglia tradizionale.

La sfida delle donne turche. Tra il diavolo e le leggi


La donna in Turchia, a differenza di altri Paesi Islamici, gode di molte libertà, alcune delle quali sancite da leggi fatte ad hoc. Nelle grandi città è abbastanza evidente l’innovazione introdotta da Mustafa Kemal detto Ataturk Padre della Patria, che attribuiva alla donna pari diritti legali rispetto agli uomini. Nelle campagne le donne seguono le antiche tradizioni, dipendono dagli uomini e sono loro sottomesse. Nelle grandi città gli appartenenti al ceto medio vestono all’occidentale e nelle campagne stanno scomparendo i salvar, i tradizionali pantaloni lunghi e larghi, a sbuffo, stretti alle caviglie, tipici dell’antico costume, così pure i tradizionali corpetti. Nelle regioni dell’Anatolia molte donne tengono il capo coperto con una sciarpa od uno scialle e, al passaggio di un uomo, ne usano un lembo per coprirsi il volto. Questo comportamento è diffuso soprattutto nelle città più all’antica dove l’Islam governa la vita cittadina: città come Konya e Kayseri. Ataturk, durante la sua campagna di modernizzazione del paese, bandì l’uso del fez per gli uomini pena la prigione, pur esortando le donne all’abbandono del velo, non le obbligò con una legge precisa. Nelle moschee le donne sono tollerate. Non c’è motivo per vietarne l’accesso, ma in base a una legge non scritta, ci si aspetta che le donne preghino a casa propria. La moschea, in quanto luogo pubblico, è fatta per gli uomini. Tuttavia le cose stanno cambiando, nelle campagne le donne dipendono ancora dagli uomini, ma nelle grandi città sono sempre di più le donne presenti nelle libere professioni, nell’insegnamento, e nel governo fino a diventare primo ministro.

 

FONTE: http://fainotizia.radioradicale.it - 20 febbraio 2007


 

Donne Bambini   Folclore e Costumi  La Campagna Ideologia e Moda

 


Al momento non sono disponibili commenti

 
  Lasciaci il tuo commento
 
 
  Nome e Cognome
 

 

  Email
 

 


 


 

Chi Siamo

 

Link a Noi

 

Contattaci

 

Newsletter

 

 

Tel: 0039-333.3250141

 

               

Rating for turchia.net

URLM.IT

 

 

Trovaci su Google+

 

Gratis.it

 

 

 

 

© Copyright 2003 - 2014 by Turchia.Net di Ibrahim Kankilic Tutti i Diritti Riservati