La Turchia - La Religione

 

ll misticismo Islamico

Armeni turchi

Ebrei turchi

Greci turchi

San Paolo - Un Santo in Turchia, Punto Di Ritrovo Delle Religioni

 


Dervishi Danzanti - Konya

 

Ufficialmente la Turchia è uno Stato laico e il 98% della popolazione è composto dai musulmani il 68% dei quali è di rito sannita il 30% è di rito sciita. Il restante 2% comprende piccoli gruppi di comunità di ebrei sefarditi, greci e armeno-ortodossi, cattolici di rito bizantino e armeni protestanti.

Sebbene essa in nome del liberalismo e dell'eguaglianza propugnati da Ataturk non sia riconosciuta come religione di stato.

I primi passi dell'introduzione del laicismo furono l'abolizione del Califfato ed il Ministero degli Sheria e Fondazioni di Pio avvenuta il 4 marzo 1924, seguì l'introduzione di sistemi istruttivi e giudiziali separati, la riforma di cappello la chiusura della confraternita dei dervisci e altre sette religiose, l'accettazione della festa di fine-settimana, di domenica piuttosto che il venerdì musulmano e l'adozione del calendario occidentale. Il governo ha approvato misure destinate a sopprimere l’insegnamento islamico finanziato dallo Stato, vietato il fez e il velo e ha deciso di adottare l’alfabeto latino, abolendo quello arabo nel 1928. Finalmente viene adottato il principio del laicismo nella Costituzione del 5 febbraio 1937.

Tutti gli affari religiosi sono eseguiti da un organismo statale e centrale, vale a dire il Dipartimento di Affari Religiosi stabilito nel 1924. La funzione di questo dipartimento è eseguire compiti in riferimento alle credenze, servizi divini ed i principi morali del Islam, e illuminare i cittadini sulle questioni religiose.

Si può bere vino e raki (il liquore all'anice), le donne non subiscono restrizioni nell'abbigliamento. Anche se va caldamente consigliato un genere di abiti non appariscente, rinunciando a nudità gratuite e mai indispensabili. Il che è doveroso trovandosi ospiti di un Paese dove il senso del pudore è davvero molto sentito, tanto da non apprezzare neppure manifestazioni affettuose in pubblico.

Feste religiose (musulmane) sono calcolate secondo avvistamenti locali di varie fasi della Luna e le date dati sopra di è le approssimazioni. Durante il mese lunare di Ramadan che precede Ramazan Bayrami, musulmani digiunano di notte durante il giorno e festa e modelli di affari normali possono essere interrotti. Dei ristoranti sono chiusi durante il giorno e ci possono essere restrizioni su fumare e bere. Generalmente, centri di turismo non sono soggetti ad influssi. Della disgregazione può continuare in Ramazan Bayrami stesso. Ramazan Bayrami e Kurban Bayrami durano 4 giorni.

Musulmani o non

Con il Trattato di Pace di Losanna che è stato firmato il 24 luglio 1923, tutte le minoranze godono i diritti legali uguali, a norma della costituzione, la quale descrive e garantisce che in Turchia "la libertà della coscienza, della fede religiosa e dell'opinione" è legalmente riconosciuta a tutti i cittadini.

 

Secondo la Costituzione della repubblica turca, ognuno ha libertà di coscienza e credo religioso, le celebrazioni e il servizio liturgico possono essere svolti liberamente. Nessuno può essere forzato a partecipare a riti, ovvero essere accusato per il suo credo e le sue convinzioni. Istruzione religiosa ed etica vengono condotte sotto la supervisione dello Stato, sono obbligatorie nel corso degli studi secondari. Altro tipo di insegnamento religioso è soggetto al desiderio del singolo e, nel caso di minori, alle richieste dei suoi rappresentanti legali.

 

Il Misticismo Islamico

Alcune importanti confraternite religiose si sono formate nei secoli; due di esse, tra le più significative per i contenuti del loro messaggio, sono nate dal pensiero di due mistici vissuti in Turchia:  Mevlana Gialal ad-Din Rûmî  (detto nostro signore) e Hacı Bektaşi Veli.

 

Il primo, nato intorno nel 1203 a Balkh, in Afghanistan, si stabilì a Konya nel 1226 e vi restò fino alla morte. Infiammò la città con la sua predicazione e con opere poetiche. Tra le opere principali figurano il Mathnawî (Mesnevi) una raccolta di distici in 6 volumi (26.000 distici) di enorme importanza nella letteratura religiosa islamica, e il Divan-i Kebir entrambi composti originariamente in lingua persiana e in seguito tradotti in lingua turca.

 

- L'amore di un'anima che desidera congiungersi a Dio, sublimando quest'amore in un'estasi raggiunta con una sorta di danza circolare.

 

Alla morte di Mevlana il posto del maestro fu preso da uno dei suoi discepoli e successivamente dal figlio Sulatan Valad che diede una forma organizzata al ordine dei dervisci danzanti. L'ordine fu sciolto da Ataturk nel 1925.

 

Nelle loro cerimonie indossano costumi bianchi, in lana, gonne ampie e alti capelli. La loro danza, famosa ovunque nel mondo, simboleggia le evoluzioni armoniche degli astri celesti. Nonostante aspetto spettacolare le danza dei dervisci seguono una particolare liturgia simbolica del graduale processo di unione mistica con Dio: Ogni gesto, ogni movimento segue regole rigorose e ha un suo preciso significato. Anche l'abbigliamento ha un valore simbolico: l'abito bianco rappresenta il sudario, l'ampio mantello nero la tomba, l'alto copricapo conico di feltro rosso la lapide.

 

La tomba di Mevlana e dei suoi più importanti discepoli, a Konya, è meta di molti visitatori, tra curiosi e adepti. Nel mese di dicembre, ogni anno, si rinnova la cerimonia di commemorazione di Mevlana, molto spettacolare appunto per le danze dei dervisci alle quali è possibile assistere, è un polo d'attrazione per molti spettatori.

 

Haçi Bektasi Veli, come Mevlana, nacque in Iran, a Nishapur, nel 1209.Visse in a una piccola città ai margini nord-ovest della Cappadocia che prese il suo nome. Elaborò un credo religioso riassunto nel libro Makalat, nel quale confluiscono temi dell'islam sunnita e "Alevi" - cristianesimo ortodosso . Le sue tesi comportamentali prevedono un'osservanza al Corano meno severa e rigida: si potrebbe dire che la sua visione è molto liberale e individualista. La Bektâsiyyah, fu una confraternita molto popolare, rivale di quella di Mevlana, e, incorporando molti elementi extraislamici, ebbe grande seguito in tutto l'impero, che raccoglieva popolazioni di così varie religioni. Per raggiungere l'illuminazione e la beatitudine nell'aldilà, dice Haçi Bektas, l'uomo pio deve superare quattro porte di conoscenza che gli consentiranno di vedere sempre la via giusta tra il bene e il male.

 

Anche questa confraternita venne messa fuori legge nel 1925, ma il fatto che ancor oggi più di mezzo milione di persone si riunisca ogni agosto a nella città di Haçibektas per ricordare il profeta, sta a significare quanto sia ancora influente la sua predicazione.

 

Gli Armeni della Turchia (Gli Armeni Turchi)

Sono cristiani ortodossi orientali. Gli armeni hanno vissuto a Istanbul dal 1197 d.C. e nuovi stabilimenti sono comparsi in Kumkapi, in Yenikapi ed in Samatya dopo la conquista della città da Mehmet II (1453).

 

L'antica Armenia si trovava nella regione dell'Anatolia orientale la sua capitale era Ani (vicino Kars). Vissero in questa zona  prima sotto il dominio dei bizantini poi  dopo la guerra Malazgirt nel 1071 d.C. passarono sotto il dominio dei Selgiuchide e poi Ottomano. Nonostante fossero sotto il dominio turco, gli armeni conservarono i loro usi e costumi e professato liberamente la loro religione e lingua. Alla fine del 1800 con l'idebolimento dell'Impero Ottomano e incoraggiati dai russi e loro alleati, cercarono di riconquistare il territorio nord orientale (della Turchia attuale). Questa guerra terminò definitivamente con il trattato di Mosca del marzo 1921 stabilendo gli attuali confini con la Georgia e l'Armenia.

 

Gli armeni hanno cominciato ad emigrare universalmente dal 1896 in poi. Dopo l'inaugurazione del primo parlamento turco (1908) hanno cominciato a partecipare alla vita politica.

 

Oggi oltre 55.000 armeni vivono in territorio turco e contribuiscono alla cultura, alla scienza e alle arti del paese continuando le loro tradizioni, inter-matrimoni e commerci (specialmente come tipografi, gioiellieri e nell'artigianato del rame).

 

Gli Ebrei della Turchia (Gli Ebrei Turchi)

Ci sono ebrei in Turchia sin dal sec. IV a.C.. Alcune rovine antiche di sinagoghe sono state trovate a Sardi (Sardis) del sec. III a.C..

 

Con la conquista nel 1324 della città di Bursa (Prusia) da parte dell'Impero Ottomano, la Comunità Ebrea che fino a quel momento fu oppressa dai bizantini e obligata a seguire le loro regole, riaquista la libertà professando sia la loro religione sia le loro arti e commerci.

 

Gli ebrei dei balcani venuti a conoscenza erano informati della tolleranza dell'Impero Ottomano su altre religioni e migrati ai territori di Sultano Murat I. Gli ebrei successivi del Ashkenazi sono fuggiti in Anatolia, sono seguito da ebrei bisantini e ricevuto da Sultano Mehmet II.

 

Era Sultano Bayezit II chi ha offerto la sicurezza per i rifugiati del inquisizione spagnolo nel 1492.

 

Durante la Guerra Mondiale II, La Turchia era unico paese in Europa dove gli ebrei sentivano più sicuri di essere protetti contro Hitler. Dopo la guerra invece maggioranza degli quali sono migrati negli Stati Uniti o in Israele per il motivo dei crisi economici in Turchia con l'esperensa di trovare una vita migliore.

 

Attraverso la storia, gli ebrei non hanno trovato soltanto l'asilio religioso in Turchia, ma anche la parte diventata della relativa società ed hanno ammesso i ruoli importanti nei settori diversi.

 

Oggi  circa 30.000 ebrei vivono in Turchia. La vasta maggioranza si trova ad Istanbul, una comunità di circa 3.000 persone a Izmir ed altri più piccoli gruppi sono situati principalmente ad Adana, Ankara, Bursa, Canakkale, Iskenderun e Kirklareli.

Gli ebrei sono più complessi di altre minoranze per la difetta dell'omogeneità nel linguaggio e nella storia.

 

La maggior parte dei ebrei sono Sephardic di cui gli antenati sono fuggito dagli inquisizioni o sono stati espulsi dalla Spagna e dal Portogallo durante e dopo il 1492. In generale parlano le lingue materni differenti, quali sono il turco, il Latino o la francese.

 

I Greci della Turchia (i Greci Turchi : i Rum)

I greci che si trovano in Turchia oggi sono dell'origine bizantine. Negli anni 70 hanno formato la più grande minoranza in Turchia. La loro popolazione sta diminuendo e secondo le valutazioni recenti ci sono meno di 25.000 greci più di quale sono cristiani ortodossi orientali. I greci di Istanbul sono agganciati con successo nel commercio e nella finanza. La maggioranza dei greci-turchi vivono sulle due isole Egee di Gokceada e di Bozcaada, i quali si trovano proprio all'entrata di Stretto di Dardanelli (Çanakkale Boğazı).

 

 

 


 

URLM.IT

 

 

Blogs:

Viaggio in Turchia, Viaggio in Camper,

Crociera Blu in Caicco, Viaggio in Auto,

Viaggio a Istanbul,

Ricerca Lavoro, Offerte Lavoro

 

333-3250141

 

 

 

 

© Copyright 2003 - 2017 by Turchia.Net di Kankilic Ibrahim Tutti i Diritti Riservati

Chi siamo | Contatti | Recensioni  

 

Contatore siti